Ciambellone al Varnelli – Tradizione a colazione

E’ vero. In Italia abbiamo la tradizione e la passione per i liquori all’anice.
Bevuto così, in un bicchiere, al naturale, o con del ghiaccio, nel caffè, o con un chicco di caffè per prenderlo “alla mosca“.
Per questo si sono sviluppate diverse ricette e tradizioni che includono l’utilizzo dell’anice tra i loro ingredienti proprio per donare il particolare sapore dell’anice al piatto finale.
Ebbene… Ognuno avrà il suo liquore all’anice preferito, ma solo nelle Marche possiamo vantare la grande battaglia tra i mostri sacri dell’anice… Il Varnelli e l’Anisetta Meletti. Questo dolce che vi proponiamo, è preso direttamente dal ricettario della nonna, ma vi assicuriamo che se guardate nella vostra dispensa, ognuno di voi ne ha una simile.
Per questo ciambellone abbiamo scelto di usare il Varnelli, famoso per il suo gusto secco e deciso. Proprio questo gusto particolare è la ragione del motto del varnelli.. “A farmi preferir basta un assaggio!”.
E chi ha assaggiato il Varnelli, può solo confermare! 😀
Il ciambellone al varnelli che vi presentiamo oggi è stato uno dei nostri primi approcci alla cucina. La nonna lo preparava di settimana in settimana, alternandolo magari con il ciambellone duro marchigiano, e noi la aiutavamo in questa operazione, sporcandoci di impasto e leccando di nascosto il cucchiaio sporco.
Per questa ricetta del ciambellone al varnelli non ci sono né dosi precise, né grammature. Il tutto viene misurato, difatti, con il bicchierino dello yogurt che userete proprio per fare l’impasto.
E’ ancora un piacere ricordare quando imburravamo le teglie e le riempivamo di impasto, sporcandoci le mani con i cuginetti.
Fidatevi, sarà un ciambellone dal gran profumo e dal gran gusto! 😀

  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    10 minuti
  • Cottura:
    30 minuti
  • Porzioni:
    8 persone
  • Costo:
    Molto Basso

Ingredienti

  • 1 vasetto Yogurt (noi abbiamo scelto quello al caffè)
  • 3 Uova
  • mezzo vasetto Varnelli
  • 4 vasetti Farina 00
  • 2 vasetti Zucchero
  • 1 vasetto Olio di semi
  • 1 bustina Lievito per dolci
  • zuccherini per guarnire

Preparazione

  1. Per preparare il nostro tradizionale ciambellone al varnelli, in una ciotola, versare prima lo yogurt. Con un cucchiaio pulitene bene i bordi perchè dovrete usare il vasetto dello yogurt per misurare gli altri ingredienti.

  2. ,Aggiungete allora le uova, il mezzo vasetto di Varnelli e l’olio di semi.

  3. Mescolate dunque tra di loro questi ingredienti che dopotutto, sono gli ingredienti liquidi contenuti nella ricetta.

  4. Separare gli ingredienti liquidi da quelli solidi (farina, zucchero…) difatti, impedirà la formazione di grumi e impedirà che l’alcool contenuto nel varnelli “bruci” il lievito.
    Almeno così ci spiegava la nonna 😉

  5. Piano piano aggiungete alla ciotola la farina, lo zucchero ed il lievito.
    Se dovesse essere necessario aiutatevi con un setaccio.

  6. Mescolate con una frusta, oppure con l’aiuto di fruste elettriche.

  7. Quando il composto risulterà liscio e ben compatto, prendete uno stampo per ciambella.
    Imburratelo ed infarinatelo, e versate al suo interno l’impasto del ciambellone.

  8. Sulla superficie del ciambellone al Varnelli, versate zuccherini colorati o granella di zucchero per guarnire.

  9. Infornate allora il ciambellone al Varnelli in forno già caldo a 180 ° e lasciate cuocere per 30-40 minuti o comunque finchè non sarà dorato in superficie. Farà fede, la famosa “prova stecchino”.

  10. Fate freddare il vostro ciambellone e gustatelo. E’ buonissimo! 🙂

Precedente Olive nere alla Marchigiana - La "Lia" griccia Successivo Giorno 9 – Cliffs of Moher, The Burren, Aillwee Cave

2 thoughts on “Ciambellone al Varnelli – Tradizione a colazione

Lascia un commento