Cicerchiata – La tradizione Marchigiana da Cingoli

La cicerchiata è un dolce tipico delle Marche che viene preparato soprattutto durante le festività di Carnevale e di Pasqua.
Originariamente, secondo quello che ci è dato sapere, la Cicerchiata proviene dalla bellissima città di Cingoli, da dove poi è stata diffusa. Per questo abbiamo una ricetta che riteniamo essere molto vicina all’originale dato che una nostra prozia aveva proprio i natali in quella città! 🙂
Secondo la vera ricetta tradizionale, la cicerchiata veniva preparata con  un impasto  a base di lievito di birra, fatta a dadini, cotta prima al forno e poi, solo in un secondo momento, fritta per ottenere la caratteristica doratura. Solo alla fine veniva “smelata”, ovvero passata in una salsa a base di zucchero e miele.

Questa ricetta che ora andremo a presentarvi è la variante più veloce, che non prevede lievitazioni, usando il tradizionale lievito per dolci.
Giusto poi, per dilungarci un pochino sulla storia di questo piatto, ricordiamo che la cicerchiata prende il nome dalla “cicerchia”, una tipologia di cece dai chicchi più piccoli, proprio per la somiglianza dei ceci ai singoli granelli che compongono questo dolce da leccarsi i baffi.

La cicerchiata  tradizionale si presenta color oro, magari decorata con perline o glitter alimentari o frutta secca a lamelle, ma spesso, per i più golosi, viene aggiunto del cacao in polvere al composto di miele e zucchero della glassatura.

Il risultato è assicurato! 😀
ecco per voi la nostra ricetta di famiglia della cicerchiata!

vi ricordiamo che queste ricette che condividiamo con voi sono tutte tratte dal nostro ricettario di famiglia. Ogni famiglia possiede, ovviamente, le sue varianti o modifiche alla ricetta ortodossa. Pertanto la nostra ricetta della Cicerchiata non ha pretese di assolutezza né di essere l’unica ricetta valida.

Scopri le altre ricette di Carnevale —> QUI!

Cicerchiata
  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    15 minuti
  • Cottura:
    5 minuti
  • Costo:
    Molto Basso

Ingredienti

  • 350 g Farina
  • 2 Uova
  • 1 bicchierino Varnelli (o liquore all’anice)
  • mezzo bicchiere Latte
  • 1 bustina Lievito Vanigliato per Dolci
  • q.b. Olio per friggere (Noi abbiamo usato quello di girasole. Tradizionalmente però venivano fritti con lo strutto.)

Ingredienti per la glassa

  • 3 cucchiai miele (Noi abbiamo usato quello di Arancia)
  • 3 cucchiai Zucchero
  • cacao in polvere (facoltativo)
  • scorza di arancia (facoltativa)

Preparazione

  1. La nostra Cicerchiata

    Per preparare la nostra Cicerchiata, iniziate dall’impasto.

  2. In una ciotola unite Farina e Lievito in polvere e mescolateli tra loro.

  3. Questo prevenirà la formazione di grumi nell’impasto.

  4. Aggiungete allora un uovo alla volta, e poi il latte, continuando a mescolare.

  5. Solo quando tutti gli ingredienti saranno amalgamati tra loro, unite il Varnelli.

  6. Il liquore va aggiunto da solo e per ultimo perchè in caso di contatto con il lievito, ne comprometterebbe la lievitazione. Invece in caso di contatto con le uova, rischierebbe di “cuocere” il tuorlo.

  7. Dovrete ottenere un impasto compatto. Se così non fosse, aggiungete al bisogno un pochino di farina, rigorosamente ad occhio.

  8. Infarinate un piano di lavoro e armatevi di un mattarello di legno.

  9. Stendete l’impasto ad uno spessore di circa 2 millimetri. Non preoccupatevi se vi sembrerà troppo sottile. Vi ricordiamo che al momento della frittura, si gonfieranno per via del lievito! 🙂

  10. Con l’aiuto di un coltello o di una rotellina, tagliate l’impasto a quadratini piccolini, dell’ampiezza di circa mezzo centimetro. Saranno i chicchi della nostra cicerchiata.

  11. Friggeteli in abbondante olio caldo.
    Tradizionalmente, ricordiamo, che i dolci di Carnevale venivano fritti nello strutto ma oramai siamo abituati a sostituirlo con dell’olio.

  12. Cicerchiata

    Una volta fritti i nostri pezzettini, lasciateli riposare sopra una teglia con carta per fritture e passate alla preparazione della glassa al miele della nostra cicerchiata.

  13. Per preparare la glassa, fate sciogliere miele e zucchero in un pentolino anti aderente finchè non caramellizzeranno e lo zucchero non si sia disciolto nel miele.

  14. In questa fase potete aggiungere cacao amaro alla glassa, in maniera da ottenere la glassa al cioccolato.

  15. Fate colare questa glassa sui chicchi di cicerchiata fritti in precedenza, mescolando con un cucchiaio di legno.

  16. Riponete la cicerchiata ormai pronta su una teglia rivestita di carta forno, oppure se preferite, mettetela all’interno di pirottini monoporzione.

  17. Decorate la superficie con mandorle a lamelle, glitter alimentari, zuccherini colorati oppure con gocce di cioccolato. Sarà buonissima ! 😀

Note

Se la nostra cicerchiata vi è piaciuta, mettete MI PIACE alla nostra PAGINA FACEBOOK o seguiteci sul nostro PROFILO INSTAGRAM! 😀

Precedente Giorno 10 – Tra Monastero di Clonmacnoise e Whisky a Kilbeggan Successivo Torta con stampo furbo con crema al cioccolato - che bella idea in cucina!

2 commenti su “Cicerchiata – La tradizione Marchigiana da Cingoli

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.