La Novena – conservazione delle Castagne

Se anche voi, come abbiamo fatto noi una decina di giorni fa, siete andati a fare una passeggiata nei boschi e siete tornati a casa con le tasche piene di castagne, questo articolo fa proprio per voi! 😀
Difatti dovrete pur sapere come conservarle al meglio per mangiarle in tutta la loro bontà e fragranza.
Il fruttivendolo di fiducia ci ha detto “ma le avete messe a bagno in acqua?”
E da questa domanda ci si è aperto il mondo dei ricordi.
Ecco come la nonna conservava le castagne.. Con la NOVENA! 😀

 

 

 

 

 

Il procedimento:
Dopo aver raccolto le castagne, riempite una bacinella di acqua.
Versate a mano a mano le castagne in questa bacinella.
Qualcuna di esse andrà a fondo, ed è segno che queste castagne sono buone, quindi eliminatele. Lasciate riposare le castagne in un luogo fresco. Possiamo suggerire il balcone o il giardino.

Nei primi quattro giorni, togliete metà dell’acqua, e versate all’interno della bacinella acqua pulita.
Ripetete poi questa sostituzione dell’acqua nel sesto e nell’ottavo giorno.
Nei giorni quinto e settimo, sostituite invece tutta l’acqua nella ciotola.

Ricapitolando:
– primo giorno: sostituire metà dell’acqua nella ciotola.
– secondo giorno: sostituire metà dell’acqua nella ciotola.
– terzo giorno: sostituire metà dell’acqua nella ciotola.
– quarto giorno: sostituire metà dell’acqua nella ciotola.
– quinto giorno: sostituire tutta l’acqua nella ciotola.
– sesto giorno: sostituire metà dell’acqua nella ciotola.
– settimo giorno: sostituire tutta l’acqua nella ciotola.
– ottavo giorno: sostituire metà dell’acqua nella ciotola.
– nono giorno: rimuovere l’acqua.

Arrivate all’ultimo giorno rimuovete l’acqua dalla ciotola. Con uno strofinaccio asciugatele e riponetele in una cassetta facendole seccare all’aria aperta. Il modo migliore per asciugare le castagne è mettere la cassetta che le contiene nella stanza più calda della casa, magari vicino ad un termosifone o ad un caminetto, oppure sui ripiani di un essiccatore a 40° per 48 ore.
Le castagne così conservate dureranno più di un paio di mesi! 😀

Accompagnatele ad un pasto con passatelli in brodo di carne ed un bicchiere di vino rosso, e riscoprite i sapori dell’autunno! 😀

Precedente Ventaglietti di pasta sfoglia Successivo Girella Salata

2 commenti su “La Novena – conservazione delle Castagne

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.