Labro e il Lago di Piediluco

Il primo giorno del nostro weekend tra Umbria e Lazio, passando tra Labro, Terni e Ferentillo, inizia il sabato.
Per impegni familiari e lavorativi non siamo riusciti a partire di buon mattino, ma ci siamo messi per strada nel primo pomeriggio.
Abitando nelle Marche, la distanza da percorrere non era poi molta, e così in un paio di ore siamo giunti  a destinazione. Inutile dire che lungo la strada ci siamo fermati spesso ad osservare ed ammirare i banchetti gestiti dai cittadini locali che vendevano ogni prelibatezza. Lenticchie, patate rosse, cipolle, mele, norcinerie e salumi…
Approfittate di questi piccoli stand e di queste botteghe lungo la strada, se passate in queste zone, o se vi trovate per caso a tagliare l’italia “a metà” (metaforicamente parlando).
Sono tutti prodotti locali, che sostengono le piccole produzioni dei nostri agricoltori, gestiti con conduzioni per lo più familiari e volte interamente a presentare e promuovere i prodotti delle zone già messe a dura prova dal sisma.  

Lago di Piediluco
Lago di Piediluco

Arriviamo al Lago di Piediluco a metà pomeriggio.
Ne approfittiamo per sistemarci in Hotel e godere la bella vista sul lago.
I colori del cielo che si avviava verso il tramonto hanno reso lo spettacolo ancora più bello!
Una volta sistemati, abbiamo preso la macchina e con appena 10 minuti di strada siamo arrivati a Lebro.
Uno spettacolo per gli occhi!
Un meritatissimo titolo di “bandiera arancione” rende ancora più pregiata la visita.
Costruito su un’altura che si affaccia sul lago di Piediluco e sulla natura rietina, il borgo è arricchito dalla presenza del castello ancora oggi abitato dalla famiglia Nobili Vitelleschi. E’ persino possibile effettuare una visita guidata al castello, che presenta ancora arredi d’epoca, archivi e documenti risalenti circa all’anno mille, tutti inerenti alla storia di Labro e della famiglia.

Labro
Labro

Chi non ama passare del tempo tra antiquariato e documenti, troverà Labro comunque graziosa. Le sue vie, le sue pietre, le sue case sono davvero una bomboniera!
Perdersi tra quelle vie, tra quelle scale, tra quelle piccole svolte è davvero rilassante.
E una volta arrivati in cima al borgo, ci sono dei punti da dove è possibile godere di una vista di eccezione sul lago di Piediluco.

Vista sul lago di Piediluco
Vista sul lago di Piediluco

Abbiamo deciso di soffermarci a cena proprio tra le vie di Labro, dove è possibile godere di diverse proposte gastronomiche, dalla classica pizzeria al locale gourmet, dalla cantina al ristorantino.
Avendo riservato un tipico pranzo umbro e impegnativo per la domenica, dopo le attività di Rafting, abbiamo deciso di mangiare velocemente una pizza tra le vie di Labro, scegliendo un localino tra quelli che ci avevano colpito. Non abbiamo mancato di provare ed assaggiare comunque prodotti locali, gustando una pizza a base di tartufo e mangiando un tagliere a base di salumi ed affettati che ci ha ravvivato tutte le papille gustative!
Un ultimo giro per il borgo, e si torna in Hotel.
L’indomani ci aspettava una giornata impegnativa a base di avventura e cultura!

Se questo racconto di viaggi vi è piaciuto, mettete “mi piace “ alla nostra Pagina Facebook e seguiteci su “instagram” 🙂

Precedente Un weekend tra Labro, Terni e Ferentillo – incanto negli appennini Successivo Rafting nelle Marmore – natura ed adrenalina.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.