Le più buone castagnole di Carnevale

Tra i dolci di carnevale, le castagnole sono tra le più amate e più semplici da preparare.
questa ricetta viene dritta dritta dal ricettario della nonna, e sarà facilissimo prepararle per le vostre feste.
i bambini si divertiranno molto a vedere questo impasto gettato a cucchiaini nell’olio bollente, e friggere.
e una volta che i dolci saranno pronti, con una spolverata di zucchero a velo saranno a capo del vostro rinfresco di carnevale.

castagnole carnevale

ingredienti:
– 50 grammi di zucchero a velo
– un uovo
– un tuorlo
– un cucchiaino di lievito in polvere
– scorza di limone grattugiata secondo gusto
– un cucchiaino essenza di vaniglia (o vanillina in polvere)
– un cucchiaio di rhum
– 150 grammi di farina

– 15 gr burro fuso
– olio per friggere.

Mettete a sciogliere a bagnomaria il burro.
in una ciotola intanto sbattete lo zucchero a velo con l’uovo intero ed il tuorlo. Aggiungete allora, setacciandola, la farina ed il cucchiaino di lievito.
iniziate ad amalgamare, aggiungendo piano piano gli aromi: il cucchiaio di rhum, l’essenza di vaniglia e la scorza di limone.
Ora, piano piano, versate il burro fuso, ma non bollente. Amalgamate fino ad ottenere un composto appiccicoso ma unito in una unica palla di impasto.
lasciate allora scaldare in una pentola bassa e larga l’olio. Deve essere molto caldo ma non bollente.
Ora potete scegliere il modo in cui formare le palline di impasto. O vi aiutate con due cucchiaini per formare delle palline come fossero delle quenelles, oppure strappate un po’ di impasto e passatelo tra le mani sino ad ottenere tante palline.

carnevale

Friggetele e toglietele dall’olio quando saranno ben dorate.
Spolveratele con zucchero a velo e servite.

Noi abbiamo scelto di servirla in un: piatto Kontengo Poloplast

dolci di carnevale

Precedente Pasta tonno fresco e melanzane Successivo Aperitivi formidabili con questa salsa al Formaggio

2 commenti su “Le più buone castagnole di Carnevale

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.