Giorno 10 – Tra Monastero di Clonmacnoise e Whisky a Kilbeggan

Ultimo giorno di verde Irlanda
Ebbene, il nostro viaggio è ormai giunto alla sua conclusione ma ci rimangono 24 ore per respirare ancora aria irlandese.  Dopo una giornata umida e fredda tra le Cliffs of Moher, il Burren e le Aillwee Cave, scelgiamo un tragitto più lento e più dolce per l’ultimo giorno in questa terra.
Decidiamo di spostarci orizzontalmente, da ovest ad est, per avvicinarci il più possibile a Dublino, dove la mattinata seguente ci avrebbe atteso il volo di ritorno in Italia.
Mete della giornata: il monastero di Clonmacnoise, e la ridente cittadina di Kilbeggan.

Monastero di clonmacnoise
Monastero di clonmacnoise

Già la giornata parte alla grande. Il B&B di Michael e Robert ha una vista sensazionale sul  lago, il sole si riflette sulle acque e per colazione, oltre alla tradizionale Irish Breakfast, dei muffin alla banana preparati in casa.
Rimaniamo ancora colpiti e sempre più amanti della gentilezza irlandese. La loro ospitalità è gentilezza pura! 🙂 Riceviamo dai proprietari anche alcune dritte per l’ultimo giorno in Irlanda, e non senza un velo di tristezza per l’imminente fine della vacanza, ci rimettiamo su strada, diretti verso  Clonmacnoise.
Personalmente, abbiamo deciso di arrivare a Clonmacnoise in auto, ma c’è la possibilità di prendere un traghetto nelle città limitrofe. Questo traghetto attraverserà lo Shannon e vi farà vedere il sito monastico dalle acque. Uno spettacolo che sicuramente vale la pena.
Innamorati di Glendalough, che aveva aperto il nostro giro d’Irlanda, avevamo alte aspettative anche su Clonmacnoise, che ovviamente non sono state deluse.

Croci Celtiche
Croci Celtiche

All’interno del sito potrete vedere splendide croci celtiche e strutture del sito, risalenti  indietro nel tempo al 545, quando il lavoro incessante di monaci e cittadini creò questo luogo che, con i dovuti “acciacchi” e col fascino del tempo che passa, è giunto sino a noi.
La sua posizione non è casuale. I monaci , o direttamente San Ciàran in persona, scelsero questo luogo perché era il punto di incontro delle due più importanti vie di comunicazione dell’epoca: il maestoso fiume Shannon e l’antichissimo percorso chiamato Esker Riada (“percorso del Re”) che divideva in due l’isola d’Irlanda. Attorno al monastero, poi, si sviluppò tutta la città, fatta di case, botteghe e cimiteri. Nei secoli a venire, Clonmacnoise sarebbe diventata uno dei più importanti centri culturali e religiosi del Cristianesimo Irlandese.
Ovviamente questo attirò non solo studiosi e menti eccelse ma anche banditi e invasori Vichinghi che la colpirono, saccheggiarono e devastarono. Simbolo di questo luogo, ancora oggi visibili, sono le tre high crosses: la croce delle scritture, quella del sud e quella del Nord.
Nel centro visitatori è possibile vedere gli originali delle tre croci. Quelle sul prato sono delle copie che sono state installate per motivi di sicurezza e di conservazione degli originali.
Il sito monastico ci tiene impegnati per diverse ore, nel guardare le croci, il sito, il fiume scorrere e persino per scattare innumerevoli foto. Ma poco dopo è già momento di ripartire. Zaino in spalla e direzione: Kilbeggan.
Gli amanti del whisky devono assolutamente fermarsi in questa città.
Difatti, subito nel centro della strada principale, si erge la fabbrica di Whisky Kilbeggan, che propone giri turistici e di degustazione. Potrete scegliere tra il percorso di degustazione, quello per intenditori e quello per professionisti del settore che offrono prezzi e pacchetti differenti.
Tuttavia, se non amate il famoso distillato, non disperate! 😀

Kilbeggan
Kilbeggan

Anche noi non siamo amanti di liquori troppo forti, ma invece di assaggiare whisky potenti, abbiamo trovato proprio a Kilbeggan un magnifico piano b, decisamente gustoso: il cioccolato!
Poco avanti della distilleria, infatti, potete trovare una piccola cioccolateria che serve cioccolatini, fondute e piccoli pasti caldi per rifocillarsi e per assaggiare il cioccolato di Kilbeggan.
Anche i più piccoli saranno accontentati!
Dopo un giretto nella cittadina, e fotografie varie ed eventuali, anche noi troviamo ristoro in cioccolateria. Qui mangiamo delle soup of the day, a base di funghi, un toast, e dei cioccolatini. Anzi, ne facciamo anche scorta per l’ultima parte del viaggio! 🙂

Cioccolateria di Kilbeggan
Cioccolateria di Kilbeggan

Si sta facendo tardo pomeriggio, e decidiamo di rimetterci in auto verso il Moyvalley Resort.
Non abbiamo scelto un classico B&b per l’ultima notte in Irlanda, ma un resort con tutti i confort. E nonostante ammettiamo che sia stato per noi un “vezzo”, vi assicuriamo che il  prezzo non era proibitivo, e con 20-25 € a testa abbiamo goduto di una squisita cena nel Resort, con vista sul parco. E la cena comprendeva immancabili birre, cosciotto di agnello stufato, hamburger e due dessert.

Oggi, la serata finisce presto. Torniamo in camera, prepariamo gli ultimi documenti in vista della partenza, visto che avremmo dovuto restituire la macchina a noleggio ed effettuare il check in pre partenza.

Se il nostro diario di viaggio vi è piaciuto, mettete “mi Piace”” alla nostra pagina facebook!

Precedente Crema pasticcera al cioccolato - ricetta immancabile nei vostri ricettari :) Successivo Cicerchiata - La tradizione Marchigiana da Cingoli

2 commenti su “Giorno 10 – Tra Monastero di Clonmacnoise e Whisky a Kilbeggan

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.