Minestra del Paradiso

questa ricetta è frutto di una interessante ricerca sul libro “la scienza in cucina e l’arte del mangiar bene” dell’Artusi, appassionato di cucina e nostro mito.
il suo libro, pubblicato per la prima volta nel 1191, raccoglie numerose ricette di valore storico, esplicate con un linguaggio d’altri tempi, così come d’altri tempi sono i sapori di queste prelibatezze.
Così, complice l’influenza che ci impediva di mangiare cibi sostanziosi e ricchi, abbiamo sperimentato la ricetta di una minestra carina a vedersi, e semplice e divertenti a farsi.
Il nome è quella di “minestra del paradiso e l’Artusi stesso si chiedeva da cosa possa aver avuto origine questo nome. Noi, una volta fatta, abbiamo avuto una nostra personalissima idea. Le forme della minestra ricordano, a nostro avviso, nuvolette di impasto, forse riconducibili al paradiso, e anche il gusto è ben saporito e gradevole. Una botta di vita dopo giorni a letto! 😀

ingredienti per due persone:
– brodo (vi consigliamo il nostro brodo vegetale)
– 1 uovo
– 1 cucchiaio di parmigiano
-1 cucchiaio di pan grattato
– mezzo cucchiaino di noce moscata

SAMSUNG CAMERA PICTURES

Prendete due ciotole.
Su una versate l’albume dell’uovo e la noce moscata: montate il tutto a neve fermissima.
Sulla seconda ciotola invece versate il tuorlo, il cucchiaio di pan grattato, il cucchiaio di parmigiano.
ultimato il tutto, unite i due composti mescolando con un cucchiaio di legno dal basso verso l’alto.
Quando il brodo sarà giunto ad ebollizione, prendete due cucchiaini e versate il comporto cremoso a cucchiaini.
lasciate bollire per 7-8 minuti e servite ancora caldo.

SAMSUNG CAMERA PICTURES

Vi ricordiamo inoltre, che da oggi potete iscrivervi alla newsletter del Soffio di Zefiro semplicemente inserendo la vostra mail nel modulo in alto a destra di questa pagina 😀
Seguiteci! 😀

Precedente Lingue di Gatto Successivo Mini-burger

2 commenti su “Minestra del Paradiso

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.